Today November 27, 2021

Giappone: la geometria del sesso

Contenuti

Come accarezzare una ragazza durante il sesso per renderlo luminoso e indimenticabile?

Segreti sessuali delle donne

È in Giappone che il lavoro sessuale part-time nel tempo libero dalle attività di base è popolare come in nessun’altra parte del mondo.. Sulla prostituzione amatoriale e altri servizi sessuali non professionali in Giappone. È in questo paese che il lavoro sessuale part-time nel tempo libero dalle attività di base è popolare come in nessun’altra parte del mondo..

Il Giappone è un paese di tecnologie avanzate, comprese quelle sessuali; lo sanno tutti. Il fatto che stia vivendo una crisi sessuale molto prolungata è detto apertamente dagli stessi giapponesi. Gli esperti ritengono che con tutto questo il Giappone sia anche un paese di bluff sessuale, dove le prostitute non commerciano nel corpo, i mariti non rispettano il loro dovere coniugale e le mogli lo danno con entusiasmo alla parte – per volere dell’anima, ma per soldi. Risolvere questa confusione non è facile. Ma ci proveremo, considerando il problema in tutte le proiezioni..

Sesso giapponese. Vista posteriore: perché.

Il primo di questi è questo: i giapponesi per la maggior parte non sono cristiani. Il loro carattere, le loro abitudini e la loro visione del mondo nel corso dei millenni si sono formati al di fuori del nostro concetto naturale di peccato. E se non sappiamo cosa sia un peccato, non possiamo peccare, perché un atto è un atto e la sua interpretazione è solo “PR”.

Il “PR” del concetto stesso di peccato ha superato i giapponesi solo alla fine del 19 ° secolo e continua a tormentarli fino ad oggi. A seguito della terribile pressione psicologica della civiltà euro-atlantica, i giapponesi sono costretti a vivere una doppia vita, combinando le idee tradizionali “geneticamente intrinseche” sulla sfera intima della vita con la necessità di rispettare le convenzioni esterne caratteristiche di la moderna società “altamente sviluppata”.

Ecco perché, avendo bandito la prostituzione nel 1957, i giapponesi hanno mantenuto gli alloggi delle prostitute. Ecco perché lottare fanaticamente controsekuhara (molestie sessuali in inglese distorte e abbreviate)al lavoro, trovano del tutto normale avere rapporti sessuali tra colleghi mentre si rilassano nelle sorgenti termali. Ecco perché, essendo fieri sostenitori dei valori familiari, non vedono alcuna minaccia per loro nella prostituzione amatoriale, il che consente loro di soddisfare il loro desiderio sessuale e guadagnare soldi con piccole spese..

Foto: kalandrakas
Secondo:Gli uomini giapponesi tradizionalmente non hanno bisogno di una donna, ma di tre: il primo per la famiglia (moglie), il secondo per il sesso (yujo è una ragazza del quartiere amante del divertimento – prima e una prostituta – ora), e il terzo per portare via l’anima in una conversazione intima sulla politica e biancheria intima (geisha – allora, hostess – ora). Va ricordato che la domanda crea offerta e la crisi economica inasprisce la concorrenza. Data l’assenza del concetto di peccato nella cultura, ciascuno dei coniugi considera il lavoro sessuale sul lato normale, le hostess (così come le geishe) a volte non disdegnano di andare a letto, le prostitute cercano di guadagnare soldi senza sforzarsi particolarmente.

Terzo: l’internazionalizzazione, la femminilizzazione e la feticizzazione dei marchi (il Giappone si chiama burando shakai – una società di marchi) ha portato al fatto che le donne giapponesi hanno ricevuto molto tempo libero, denaro e il desiderio di ottenerne il più possibile in qualsiasi modo per acquistare un’altra borsa Louis Vuitton. La differenza tra i “cacciatori di marchi” giapponesi dai loro “colleghi” europei e persino russi è che in Giappone la passione per il possesso di oggetti di marchi esclusivi ha acquisito, senza esagerare, la portata della mania di massa, e non solo “moda” o “tendenze”. . ” Allo stesso tempo, le donne giapponesi si relazionano facilmente al fatto che i loro mariti trascorrono la maggior parte della giornata (16-18 ore) al lavoro e tornano a casa in uno stato di grave euforia alcolica, ea tutto ciò che deriva dall’effettiva assenza dei mariti. , anche a letto.

Ora somma il primo, il secondo e il terzo e capirai perché il Giappone di oggi è davanti agli altri nel campo della prostituzione amatoriale..

Sesso giapponese. Vista frontale: chi.

Foto: ThisParticularGreg
In ogni grande città giapponese c’è, se non un quarto di prostitute, almeno un bordello. La stragrande maggioranza dei “dipendenti” sono cinesi, filippini, coreani, thailandesi e così via. Sono in mostra, a volte letteralmente: stanno seduti ad aspettare i clienti negli “acquari” delle vetrine. Le donne giapponesi, invece, preferiscono non farsi pubblicità, e il lato organizzativo del business è stato portato nell’ombra, sulle pagine di siti web speciali, nei club chiusi, nelle mani di agenti speciali. In tali condizioni, il lavoro diventa facilmente accessibile per i non professionisti e il tessuto della prostituzione amatoriale copre il paese non meno densamente della rete della prostituzione ufficiale..

La domanda di servizi amatoriali cresce ogni giorno. Ci sono due ragioni per la crescita: in primo luogo, i giapponesi si annoiano e provano il piacere di solleticare i loro nervi giocando con donne sposate e ragazze minorenni. In secondo luogo, in alcuni casi è più economico e la varietà dei servizi risulta essere molto maggiore. Molto spesso, un’amante femminile si rivela una “multi-macchina” – in senso puramente giapponese: un uomo sa di essere la moglie di qualcuno, la usa per il sesso e comunica con lei come una geisha.

A loro volta, tra gli stessi dilettanti, anche due tipi sono chiaramente distinti. I primi sono noti agli erotomani di tutto il mondo, si chiamano godi kosai (o enko). Si tratta di ragazze molto giovani che non hanno nemmeno raggiunto la maggiore età (l’età della maturità in Giappone è di 20 anni). La seconda, non così famosa e quindi a cui non è stato dato alcun nome speciale, ma una categoria in via di sviluppo molto più dinamico è costituita da donne sposate di 25-45 anni..

Sesso giapponese. Vista laterale: come.

Ad esempio, è molto importante per i giapponesi osservare il sistema gerarchico di relazioni tra loro, anche se sono amanti. Di conseguenza, quei tipi di sesso che coinvolgono forme complesse di interazione sociale (principalmente sesso di gruppo e swing – suwapping) non hanno guadagnato popolarità. A proposito, l’esacerbazione della paura dei contatti vivi tra i giovani giapponesi moderni è un problema serio. Il forte calo dell’interesse dei giovani giapponesi per il sesso, che è continuato dal 1999, secondo il settimanale Asahi Shukan, è stato accompagnato da un aumento della masturbazione ed è supportato dalle industrie del sesso che offrono dispositivi sofisticati e giochi porno per computer che consentono ai giovani di ottenere da senza un partner..

La spinta molto potente e interiore di ogni giapponese a rimanere fuori dai giochi, la storia secolare di vita affollata in case con pareti di carta scorrevoli e la curiosità leggendaria hanno portato i giapponesi al voyeurismo. In epoca sovietica, le prostitute di Mosca hanno testimoniato all’autore del loro amore per i clienti giapponesi: “I soldi pagheranno, ma non possono fare nulla. Guarderanno, lavoreranno con una penna e un bainki. ” E oggi, in un ambiente sempre più urbanizzato e in presenza di ottiche eccellenti, questo genere è fiorente. Gli amanti che sono alla ricerca di emozioni e allo stesso tempo vogliono guadagnare soldi extra sono felici di filmare il processo della propria masturbazione, l’amministrazione dei bisogni naturali (anche oggi in Giappone ci sono molti servizi igienici combinati, e questo argomento è molto popolare in pornografia) e, naturalmente, la ricezione di tutti i tipi di procedure idriche. Un nastro nascosto costa circa $ 800. I DVD elaborati sono venduti al dettaglio per $ 20- $ 80, ma in migliaia di copie!

Il complesso rapporto tra un uomo e una donna, influenzato dai culti shintoisti della fertilità femminile e dai culti buddisti maschili del principio fertilizzante, si è acuito nell’era dell’internazionalizzazione.Un altro hobby preferito aiuta i giapponesi a mettere tutto al suo posto: l’eroticovincolante gimbaku o shibari, nato dall’antica arte della legatura con la corda marziale hojo-jutsu. Kimbaku combina il gioco di ruolo (che è molto necessario alle donne annoiate di famiglie nobili) e sottolinea il potere sessuale di un severo maestro maschio (che è così carente nei giapponesi, che stanno diventando più effeminati e dipendenti dalle donne), e quindi permette di soddisfare le aspirazioni di quelli e di altri.

Infine, un’attività puramente amatoriale –vendita di biancheria intima usata, che ha avuto inizio con la mano leggera del già citato enko – ha soddisfatto la vasta domanda di quei clienti che sono timidi o hanno paura dei contatti dal vivo, ma non riescono a ottenere soddisfazione nel mondo virtuale. La memoria genetica di un rapporto più stretto con una donna, stimolata dall’odore di una persona viva, permette loro di ritrovare se stessi. Inutile dire che questa attività viene sempre più rilevata da donne mature che sono più in grado di navigare nei vicoli bui dell’anima di un uomo giapponese..

Articoli simili

Jennifer Alexis

Jennifer Alexis

Top